Pochi giorni fa, sul canale Telegram, ho lanciato un sondaggio chiedendovi se conosceste già Signal.
Ne ho parlato diverse volte ma non tutti ancora hanno compreso quanto sia importante al giorno d’oggi la privacy.

Esistono diverse app di messaggistica e ognuna di esse cerca di proteggere i nostri dati (per quanto possibile).

La più utilizzata al mondo è Whatsapp e non serve neanche dirlo visto che la utilizzano i boomers per mandarsi il “Buongiorno Kaffeèèè” del mattino.

Ma Whatsapp, come è emerso nelle scorse settimane, non è la più sicura (ve ne ho parlato su Telegram quindi credo sia ora di iniziare a seguirmi no?

Allora entra in gioco Signal.

Prima di parlarvene faccio una piccola digressione: conoscete Edward Snowden? Ebbene, si tratta di un paladino della privacy e di colui che diede inizio, attraverso documentazioni reali e veritiere, allo scandalo Wikileaks che rivelava quanto la nostra vita online fosse costantemente osservata e influenzata dai governi nazionali.

Snowden utilizza Signal per chiamare, messaggiare e videochiamare.

Questo perchè Signal ha una crittografia avanzata che neanche il Mossad, il servizio segreto israeliano (uno dei più potenti al mondo), è riuscito a decriptare.

Starete pensando: si, ok, tutto meraviglioso. Ma sarà sicuramente un’app per nerd.

E invece no!

Signal è un’app per tutti e ci da una mano con un design moderno e semplice!

Soprattutto Signal è gratuita e si basa unicamente sulle donazioni (volontarie) degli utenti.

Su Signal si possono creare gruppi, fare vocali, inviare foto,video, emoji, gif e files.

Si possono creare adesivi crittografati.

Prossimamente su Signal arriveranno anche i pagamenti in chat con criptovalute. (Per il momento in fase Beta).

Signal è disponibile per tutti i sistemi operativi e funziona contemporaneamente su più dispositivi (basta sincronizzarli tramite una scansione del QR Code)

Insomma, un mondo nuovo che dovrebbe distaccarci da Whatsapp che non fa altro che spiare ogni mossa che facciamo durante le nostre giornate.

Qui il link al sito di Signal per saperne di più e scaricarla.

About Author

thelogboy

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code